IL TUO 5X1000
PER UN FUTURO DI PACE

5 GIOVANI PROTAGONISTI DI DOMANI, 5 STORIE CHE INCIDONO SUL CAMBIAMENTO DI 1000 STORIE NEI LUOGHI DI CONFLITTO

Lina
Endrit
Ana
Ulviyya
e Ahmed.

5 giovani, 5 esempi di come si possa affrontare il conflitto in maniera diversa, portando un cambiamento positivo nella società civile locale e globale.

Sono “5 storie per cambiarne 1000” nei luoghi di conflitto, facendo sì che una volta rientrati nel proprio paese siano i giovani stessi a promuovere quel cambiamento necessario alla società civile e globale: un investimento che a partire da una singola storia diventa un investimento per l’intera società.

In Rondine questi giovani costruiscono un percorso che offre un metodo innovativo per la risoluzione dei tanti conflitti del mondo odierno, e che prevede le seguenti fasi:

1. LA PARTENZA

dalla propria terra di origine, luogo di conflitto;

2. L'ACCOGLIENZA

al borgo di Rondine dove convivono e si confrontano diverse culture, purtroppo normalmente in conflitto tra di loro

3. LA FORMAZIONE

attraverso processi di trasformazione personale del conflitto e la formazione accademica ed esperienziale per diventare leader e protagonisti di oggi e di domani

4. IL CAMBIAMENTO

in se stessi e nel proprio territorio di origine

5. LO SVILUPPO DEI PROGETTI

con l’obiettivo di tornare arricchiti nel proprio paese, portando un cambiamento positivo nella società civile locale e globale.

GUARDA IL VIDEO DEL PERCORSO

e leggi due delle storie rappresentative di questo cammino: ogni giorno, insieme, possiamo offrire a questi giovani la possibilità di realizzare concreti progetti di pace.

FOCUS | LA FORMAZIONE

Ulviyya, azerbaigiana

Mi chiamo Ulviyya e sono azerbaigiana. Non riesco a ricordare un solo giorno della mia vita senza una notizia di qualcosa di terribile.

 A Rondine sento la parola pace ogni giorno e alla fine tutti siamo qui per trovare un po’ di pace dentro noi stessi. Però col tempo ho capito che, prima di trovare la pace, si deve capire cosa sia.    

Avevo un anno nel 1993 quando la mia famiglia ha dovuto abbandonare tutto. Io non ho vissuto la guerra, ma ho vissuto per tutta la vita le conseguenze della guerra.

Ho un fratello e due anni fa è partito per il militare. Proprio quando io ho scelto di venire a Rondine. Qui mi aspettavano due studenti Armeni. Quelli che avrebbero potuto essere i miei “Nemici”, in quel momento a casa lo sarebbero stati. Ho incontrato uno di loro, un ragazzo della mia età armeno. Non ci siamo salutati. Ci stavamo fissando l’uno negli occhi dell’altra. Dentro i suoi occhi ho rivisto la mia stessa paura, la stessa rabbia…Anche suo fratello era al confine, in guerra. 

Proprio in quel momento ho capito cos’è la pace per me. Non è l’assenza di conflitto, ma scoprire te stesso dentro l’altro, rispettarlo e trovare un equilibrio.

FOCUS | IL PROGETTO

Ahmed, sudanese

Mi chiamo Ahmed e sono sudanese.

Ho vissuto quasi tutta la mia vita a Sirte, in Libia, dove ho vissuto una bella vita, avendo sempre a disposizione elettricità, acqua, cibo, vestiti e istruzione. Avevo tredici anni quando sono andato per la prima volta a Khartoum, la capitale del mio paese di origine, il Sudan. Lì ho sperimentato, per la prima volta nella mia vita, la mancanza di elettricità e di acqua. Questa esperienza mi ha segnato profondamente.

Nel 2015 sono venuto a Rondine per poter contribuire alle difficoltà di approvvigionamento energetico del mio Paese, sfruttando l’energia solare: attiverò un programma per portare energie rinnovabili in Sudan che permetterà a molte persone di accedere al micro credito. Dopo il percorso di Rondine mi sono reso conto che per riuscire a cambiare l’Africa è necessario che gli africani cambino prima di tutto loro stessi. La mia idea è quella di creare una comunità in cui la gente abbia accesso ai beni primari e in cui le persone siano autonome, politicamente consapevoli, ecologicamente responsabili e costituiscano un esempio per le altre comunità.

COINVOLGI I TUOI AMICI

Il 5×1000 a Rondine

Un semplice gesto gratuito, per un risultato che non ha prezzo: la pace. CF 92006970518